Mamma leggimi la storia prima di fare ninna

 In Blog

 

Il cervello è estremamente plastico in età pre-lettura, e stimoli negativi, come l’esposizione agli schermi, possono avere un effetto amplificante sulle future capacità di lettura di un bambino.
Leggere storie, anche mentre il bambino dorme aiuta il cervello a formare reti cognitive che aiuteranno i processi di lettura. Per i bambini in età pre-linguaggio è dannosa l’esposizione precoce e prolungata allo schermo.
Nel dibattito sulla natura contro l’educazione allo sviluppo delle capacità di lettura, i neuroscienziati cognitivi hanno un messaggio chiaro: entrambe le cose. Fin dall’infanzia, i bambini hanno un’impalcatura neurale in atto su cui l’ambiente perfeziona e costruisce abilità di lettura. Nel nuovo lavoro presentato oggi (4 maggio 2020) al meeting virtuale della Cognitive Neuroscience Society (CNS), gli scienziati si stanno confrontando sull’influenza dei fattori biologici e ambientali – incluso il tempo di screening precoce – mentre scoprono biomarcatori che possono identificare i bambini a rischio di dislessia e altri disturbi dell’acquisizione della lettura.
Dai lavori è emerso che un’impalcatura cerebrale strutturale nei neonati serve da base per l’alfabetizzazione.

La lingua e la lettura possono affinare l’impalcatura cerebrale preesistente. Lo studio rivela anche l’attivazione di robuste reti linguistiche mentre i bambini dormono se le storie vengono lette durante il sonno.

Una delle più grandi intuizioni di questi ultimi anni sullo studio dell’acquisizione della lettura è che la maggior parte degli interventi per identificare e trattare la dislessia a scuola arrivavano troppo tardi. Negli ultimi dieci anni, studi longitudinali su bambini piccoli che escono dal laboratorio di Nadine Gaab presso la Harvard Medical School e altri nei laboratori di tutto il mondo hanno dimostrato che il cervello dei bambini che svilupperanno dislessia è già atipico anche prima di iniziare l’asilo. E nei nuovi lavori presentati alla riunione del CNS, il team di Gaab ha dimostrato che, come gruppo, i bambini di età inferiore ai 3 mesi hanno un’infrastruttura di base che aiuta a prevedere il successo nella lettura degli anni successivi.

Horowitz-Kraus, in altra ricerca, sta cercando di capire come le condizioni quotidiane influenzano le basi neurobiologiche per la lettura nel cervello. Sebbene la dislessia sia una malattia genetica, l’ambiente ha un impatto in cui può ridurre o aumentare le difficoltà di lettura.

Post recenti

Leave a Comment

× Posso aiutarti?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi